back

Studenti e aziende? Contatto

28 Marzo, 2019
Studenti e aziende? Contatto

Quanta, partner del Salone delle micro e piccole imprese di Treviso, è stata tra i protagonisti dell'evento con una tavola rotonda dal titolo “Dall'alternanza alla sinergia scuola-lavoro: il metodo Quanta” alla quale hanno partecipato Anpal Servizi Veneto, DBA Group e Gruppo ELT.

Gli ultimi dati Excelsior parlano chiaro: nei prossimi 5 anni il mercato del lavoro italiano avrà bisogno di un numero di occupati compreso tra i 2,5 e i 3,2 milioni. Digital Transformation ed Ecosostenibilità alimenteranno i piani occupazionali delle imprese, rappresentando circa il 30% del fabbisogno occupazionale, ma non solo. La domanda sarà alimentata soprattutto da alcune filiere che caratterizzano l’economia del nostro Paese: “salute e benessere”, “education e cultura”, la filiera della “meccatronica e robotica” e quella della “mobilità e logistica”, il settore “energia”.

Aziende, enti e agenzie per il lavoro: come farsi trovare pronti? Di questo si è parlato durante la tavola rotonda organizzata da Quanta in occasione della 5^ edizione del Salone delle Micro imprese svoltasi presso la Camera di Commercio di Treviso lo scorso 1° marzo.

Uno dei principali obiettivi di Quanta è mettere in contatto gli studenti con le imprese. - spiega Andrea Communara, Head Of Operations North Quanta - Orientamento al lavoro, percorsi specializzati, apprendistato, career day con le aziende sono alcune delle attività che sviluppiamo, sempre in collaborazione con aziende ed enti locali. Creare sinergie con le realtà locali è fondamentale per mettere in contatto giovani e mondo del lavoro.

Per questo, oltre a Quanta, erano presenti alla tavola rotonda anche la sezione veneta di ANPAL, l’Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro e due importanti realtà del territorio, DBA Group, che si occupa della fornitura di servizi d’Ingegneria e di Project & Construction Management in ambito civile, impiantistico ed infrastrutturale e, in video, Gruppo ELT, specialista in impianti elettrici.

A completare il confronto anche l’intervento di un ragazzo che ha vissuto in prima persona l’esperienza dell’alternanza scuola-lavoro.

 

gallery

Select Color: